Archivio | dicembre 2013

Storia di Fongara

Immagine

 

Un libro che narra le piccole vicende quotidiane e fatti di cronaca della piccola ma tanto antica comunità di Fongara , a cui con orgoglio anche se non ci sono nato ho passato tanti week end con i mie nonni paterni , dove tutti si conoscevano e tutti si davano una mano anche se come tutti sanno il montanaro e di poche parole .

Questo libro è stato scritto nel 1991 da due monsignori in occasione del 500° anno della chiesa Parrocchiale di Fongara

K2 La vetta infranta

Copertina del libro: K2 LA VETTA INFRANTA

K2, la montagna perfetta. La più bella, la più difficile. Una piramide di roccia scolpita, che penetra nel cielo. Fino a 8611 metri, sulla soglia dell’infinito.

Da oltre mezzo secolo, da quando la cima venne raggiunta per la prima volta da Lino Lacedelli e Achille Compagnoni, è per tutti “la montagna degli italiani”.
Scalare il K2 significa entrare nell’olimpo dell’alpinismo di tutti i tempi, appartenere ad una cerchia ristretta, ad un’élite selezionata. Ad un club esclusivo.

Il 20 luglio 2007 ci sono riusciti Stefano Zavka, Daniele Nardi e Mario Vielmo.
Un’impresa compiuta anche per ricordare due vicentini che hanno lasciato una traccia indelebile nella storia dell’alpinismo: Gino Soldà e Renato Casarotto.

“K2, la vetta infranta”, non è un libro come gli altri. Racconta l’avventuroso e affascinante viaggio verso il campo base e la sofferta e impegnativa scalata alla vetta del K2, riproponendo con uno stile avvincente le fasi salienti di un’esperienza esaltante e intensissima.
Ma anche purtroppo tragica e dolorosa per la scomparsa, durante la discesa dalla vetta al campo 4, di uno dei componenti il gruppo, il forte alpinista umbro Stefano Zavka.

Per questo il libro si intitola “K2, la vetta infranta”, perché la morte di Stefano ha di fatto mandato in mille pezzi un sogno, quello di calcare la cima della seconda montagna del pianeta, che la spedizione italiana era riuscita a rendere, con merito, straordinaria realtà.

 

Il Pasubio e le sue valli

il pasubio

Questo libro raccoglie immagini , storie di guerra e alpinismo , descrive in maniera molto bella ed interessante le sue valli , Val Leogra di Schio , Vallarsa quella di Rovereto , Val Terragnolo che passa per il passo della Borcola e la Val posina , una presa di visione della maestosa grandezza del massiccio del Pasubio , antica terra di confine austroungarico e considerata terra di nessuno nel periodo del primo gran conflitto 15-18 , una raccolta fotografica molto molto bella

Corda libera

corda libera

Una raccolta di storie di sogni descritti come fossero dei racconti , di un’alpinismo vero , praticato con la vecchia scuola , quella più bella e quella che pone maggior rispetto alla montagna , una serie di racconti ,  aneddoti sempre su storie realmente accadute e vissute dall’autore ,  un libro non solo per gli appassionati di montagna , ma anche persone che si interessano di storie d’altri tempi.